Bando Regione Emilia Romagna per progetti collaborativi di ricerca e sviluppo delle imprese
20 Luglio 2015
Bandi per concessione agevolazioni attivi e di prossima pubblicazione
11 Gennaio 2016

Bandi Regione Emilia Romagna in ordine per scadenza

“contributi finalizzati alla rimozione ed allo smaltimento di manufatti contenenti amianto in matrice cementizia e/o resinosa” su un importo minimo di spesa ammissibile di euro 50.000. Per le grandi imprese 35% e PMI 50% di contributo in “de minimis”. Domande con procedura “a sportello” dal 23 al 25.9.15.

“Sostegno al settore vitivinicolo” contributi del 40% per investimenti in nuovi impianti e commercializzazione; presentazione delle domande contributi fino al 30.09.15

“Miglioramento produzione e commercializzazione prodotti apicoltura” presentazione delle domande contributi fino al 13.11.15

“Aiuto all’avviamento di imprese per giovani agricoltori” e “Ammodernamento di aziende agricole di giovani agricoltori” presentazione delle domande contributi fino al 16.11.15

“Fondo energia Emilia Romagna”. Il fondo concede finanziamenti agevolati con provvista mista, della durata massima 7 anni nella misura minima di 20mila euro e nella misura massima di 1 milione di euro per progetto (soglie fissate, in precedenza, rispettivamente a 75mila e 300mila euro). Sono ammissibili le spese sostenute – fa fede la data indicata in fattura – a partire dal 1° gennaio 2013. Il tasso effettivo praticato a carico dell’impresa beneficiaria corrisponde all’Euribor maggiorato di 4,75 punti. La stessa delibera regionale n. 1742 ha ridotto dallo 0,5% a zero il costo della provvista pubblica, che incide per il 70% sul tasso del finanziamento. Il che, agli attuali valori di Euribor, corrisponderebbe a un Taeg per le imprese sul finanziamento complessivo non superiore al 3% per l’intera durata del finanziamento. Gli investimenti agevolabili – Il fondo si pone l’obiettivo di incrementare gli investimenti delle imprese destinati a migliorare l’efficienza energetica e lo sviluppo delle fonti rinnovabili attraverso la produzione o l’autoconsumo, nonché l’utilizzo di tecnologie che consentano la riduzione dei consumi energetici da fonti tradizionali. Scopo ulteriore del fondo è promuovere la nascita di nuove imprese operanti nel campo della green economy, incentivare gli investimenti immateriali volti all’efficienza energetica dei processi o a ridurre il costo energetico incorporato nei prodotti.

Interventi nazionali

“credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo” effettuate nel 2015 e esercizi successivi. E’ calcolato nella misura del 25% dell’incremento sull’importo medio delle stesse spese effettuate nei tre esercizi precedenti. L’aliquota è del 50% per le spese relative al personale altamente qualificato impiegato in attività di ricerca e sviluppo e per i contratti di ricerca con università ed enti di ricerca e start-up innovative.

CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI PER LA BREVETTAZIONE E LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DEI BREVETTI A FAVORE DI MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE

La misura è articolata in due linee di intervento:

  1. Premi” per la brevettazione – per incrementare il numero di domande di brevetto nazionale e l’estensione di brevetti nazionali all’estero;
  2. Incentivi per la valorizzazione economica dei brevetti – per potenziare la capacità competitiva delle micro, piccole e medie imprese attraverso l’acquisto di servizi specialistici finalizzati alla valorizzazione economica di un brevetto in termini di redditività, produttività e sviluppo di mercato.

Si può presentare domanda di accesso ad entrambe le sottomisure se in possesso dei requisiti richiesti, entro i limiti del de minimis.